Osteria del Borgo

Osteria del Borgo Monghidoro

Provocatorio e strafottente ma grande professionista della ristorazione, si mangia quello che dice lui, pensando di avere scelto, con un cibo non sempre consono alla collocazione del locale.

 

Giorni di apertura:

LUGLIO E AGOSTO: aperto solo a cena martedì, mercoledì, giovedì e venerdì. Aperto pranzo e cena sabato e domenica. Chiuso il lunedì.

SETTEMBRE: chiuso il lunedì e il martedì.

OTTOBRE: chiuso il lunedì, martedì e mercoledì.

 

Prenota il tuo tavolo chiamandoci allo 051.6553004 - mail: villadefanis@libero.it.

 

Clicca qui per guardare le recensioni su TripAdvisor >>

 

Un'osteria diversa...

Cortile esterno Osteria del Borgo

Sull'appenino tosco-emiliano, a pochi chilometri dal confine con la Toscana, ad 830 metri sul livello del mare, l'Osteria del borgo è davvero un'Osteria diversa anzitutto per il tipo di cucina: prevalentemente pesce freschissimo in montagna. È stata questa la scommessa vincente di Alfeo De Fanis, portare il pesce in montagna e sfatare il luogo comune secondo cui si mangia bene il pesce solo nei posti di mare.

 

La Cucina e i Vini

cucina e vini

 

All'Osteria del Borgo il menù non è mai lo stesso e Alfeo te lo racconta, come una favola, a tavola. I piatti, essenzialmente di pesce, vanno dagli antipasti di cozze e vongole, insalata di polipo e patate, mazzancolle flambè ai primi piatti come tagliolini o strozzapreti allo scoglio, maltagliati con fagioli e cozze, paccheri alla salernitana, gnocchi di patate alla marinara col sapore di alloro, risotto con scamponi, zucchine e zafferano.

 

I secondi vanno dalla paranza romagnola alle soglioline nostrane, sgombretti e sardoncini alla griglia, tutto in base al pescato! Completano la gamma la tagliata di scottona o il pecorino piastrato con verdure!

 

I dolci sono tutti di produzione propria così come i sorbetti. I vini, selzionatissimi, vedono primeggiare cantine vitivinicole dell'Abruzzo, del Friuli, del Trentino, dell'Emilia-Romagna, della Toscana, delle Marche e della Campania.

 

Share by: